21 aprile 2019. Strage di Pasqua in Sri Lanka. Un documentario, 4 famiglie, la memoria

S’intitola “The Sky Was Grey”, dura 15 minuti e dà voce ai parenti delle vittime. Realizzato da due torinesi, esce su Vimeo a un anno dalla strage. Parte del ricavato alle famiglie intervistate.

Era esattamente un anno fa, il 21 aprile 2019. Era la domenica di Pasqua. Era mattina. I cristiani, anche in Sri Lanka, affollavano le chiese per celebrare la Resurrezione. Molti di loro incontrarono la morte. Bombe e kamikaze fecero 290 vittime e più di 500 feriti in otto attentati terroristici che presero di mira 3 chiese e 4 alberghi frequentati da stranieri. Le chiese colpite si trovano nella capitale Colombo, a Negombo (a nord nella capitale) e a Batticaloa (nel nordest). Erano, rispetto agli alberghi, obiettivi più vulnerabili.

Un documentarista e un fotografo di viaggio sono tornati in quei luoghi, hanno incontrato i familiari delle vittime, raccolto le loro storie. “L’idea – raccontano Matt e Riccardo, torinesi, in arte The Tale Brothers – è quella di creare documentari di viaggio non solo con il fine di raccontare luoghi, storie e personaggi ma anche con lo scopo di aiutare le persone e le organizzazioni presenti all’interno di ogni documentario tramite la sua vendita su Vimeo onDemand”.

Il progetto li ha impegnati sei mesi, trascorsi interamente in Sri Lanka e durante i quali i contatti di lavoro sono diventati inevitabilmente esperienze personali. Ogni persona è un amico con cui, chissà, tenere i contatti. Metà del ricavato dai loro documentari va agli autori, che lo reinvestono in progetti futuri, e l’altra metà viene devoluto ai protagonisti.

Il documentario, che viene pubblicato su Vimeo onDemand il 21 aprile a un anno esatto dalla tragedia, s’intitola “The Sky Was Grey”(“Il cielo era grigio”) ed è il secondo firmato The Tale Brothers. Dura circa 15 minuti e racconta le vicende di quattro famiglie che nell’attentato persero i loro cari. Il contributo finanziario che riceveranno “le aiuterà a ricordarsi che non sono sole, che ci sono persone nel mondo che si ricordano di questa tragedia e mandano qualche piccolo aiuto” affermano gli autori.

Per vedere il documentario, e contribuire al progetto, si può scaricarlo da Vimeo (costa 12,99 euro) o noleggiarlo (in visione per una settimana, costa 3,99 euro). Alla sua uscita è legato anche un crowdfunding.

I commenti sono chiusi .